logo

Turismo - Palermo Welcome

Palermo
+25°C
header
rss facebook twitter google+
Condividi
Mozart e Ravel
new

Venerdì 6 maggio alle ore 21 e sabato 7 maggio alle ore 17,30, l'Orchestra Sinfonica Siciliana, diretta da Simone Bernardini con Marco Vincenzi al pianoforte, presenta un piacevole programma all'insegna di Mozart (ouverture dal Flauto magico e il Concerto n.12 per pianoforte e orchestra) e di Ravel (Ma Mère l'Oye e il celeberrimo Boléro). Un'ombra di mistero avvolge ancora la genesi dell'ultimo capolavoro teatrale di Wolfgang Amadeus Mozart, Die Zauberflöte, ma è certo che questo Singspiel, completato il 28 settembre 1791 e rappresentato due giorni dopo a Vienna al Theater auf der Wieden, ebbe un successo crescente che diede al suo autore forse l'ultima gioia in un anno particolarmente travagliato che si sarebbe concluso con la sua morte pochi mesi dopo. La simbologia massonica informa anche la celeberrima ouverture sin dalla scelta della tonalità di mi bemolle maggiore, le cui alterazioni, disposte nell'armatura di chiave in forma di triangolo, ricordano questa figura geometrica tanto cara alla massoneria. Particolarmente amato da Mozart che scrisse le cadenze per tutti e tre i movimenti, il Concerto n. 12 in la maggiore per pianoforte e orchestra K. 414, che, come segnalato dallo stesso compositore, può anche essere eseguito con un organico ridotto in cui vengono soppresse le parti dei corni e degli oboi, fu eseguito per la prima volta al Burgtheater di Vienna il 22 marzo 1793. Il mondo infantile delle fiabe di Perrault e, in particolar modo, della sua raccolta Les Contes de ma Mère l'Oye (I racconti di mamma Oca) costituisce una delle fonti d'ispirazione della suite Ma mère l'oye di Ravel, la cui prima versione per pianoforte a quattro mani, dedicata ai giovani amici Mimie e Jean Godebski, fu composta tra il 1908 e il 1910. Nel 1912 la collana di brani fu trascritta per orchestra dallo stesso Ravel e rielaborata in forma di balletto ed eseguita per la prima volta al Théâtre des Arts di Parigi il 28 gennaio 1912. Non molto tempo dopo Ravel trasse 5 brani infantili ristabilendo l'ordine dell'originaria suite pianistica per farne una versione da concerto. Il Boléro di Ravel ha avuto sempre un'accoglienza entusiastica da parte del pubblico costituendo, contrariamente alle previsioni dello stesso compositore rimasto sorpreso per tanto improvviso quanto enorme successo, una delle pagine sinfoniche più note ed apprezzate del Novecento. Il Boléro, eseguito per la prima volta nella sua forma da concerto l'11 gennaio 1930 sotto la direzione dello stesso Ravel ai Concerts Lamoureux di Parigi, nella sua versione per balletto aveva già visto due anni prima il suo debutto trionfale sotto la direzione di Walter Staram il 22 novembre 1928 con le scene ideate dal pittore e scenografo franco-russo Alexandre Benois e la magistrale interpretazione di Ida Rubinstein. Ingressi al botteghino da E. 10,00 a E 25,00. Riduzioni per junior, senior, enti convenzionati e possessori di carte sconto Info: 091 6072532 - biglietteria@orchestrasinfonicasiciliana.it.

Accade a Palermo
Dal Al
Cerca il tuo soggiorno
Tipo
Stelle
Mappa della città
itinerario
Itinerari Tematici
itinerari
Cerca il tuo soggiorno
Tipo
Stelle
Mappa del turismo accessibile
Mappa del turismo accessibile
Centro Informazione Turistica
Centro Informazione Turistica
Fotogallery
fotogallery
Mappa del turismo accessibile
Mappa del turismo accessibile
Webmaster Credits Privacy Accessibilità Note Legali