logo

Turismo - Palermo Welcome

Palermo
+25°C
header
rss facebook twitter google+
Condividi
'New York, New York': Bernstein, Barber, Ellington
new

La grande tradizione musicale americana e afroamericana rivive al Teatro Massimo in un ciclo di tre concerti intitolato "New York, New York". Domani, 26 maggio, alle 20.30, primo appuntamento con Downtown Stories: musiche di Samuel Barber, Leonard Bernstein, Duke Ellington, direttore Daniel Cohen, primo violino Salvatore Greco, Orchestra e Coro del Teatro Massimo, maestro del coro Pietro Monti, tip tap dancer Giorgia Lorito. Il 31 maggio Rhapsody in blues diretto da Todd Reynolds, con il grande Uri Caine al pianoforte: musiche di George Gershwin e di Artie Shaw. Infine, il 7 giugno, G-Spot Tornado diretto da Jonathan Stockhammer con il solista Paolo Fresu: opere di Aaron Copland, Chet Baker e le ultime composizioni di Frank Zappa. "Un programma - spiega il direttore artistico del Teatro Massimo, Oscar Pizzo - che parte dai grandi classici americani per finire a esplorare il jazz e il rock, con autori che hanno scritto tutti musica originale per orchestra. Dopo la maratona Beatles, andiamo alla scoperta dell'America!". Il concerto di domani sera ha in programma l'Adagio per archi e il Concerto per violino e orchestra op. 14 di Samuel Barber; Three Dance Episodes da On the Town (Dance of the Great Lover, Pas de Deux, Times Square Ballet) e Symphonic Dances da West Side Story di Leonard Bernstein; tre brani dai tre Sacred Concert di Duke Ellington (Father Forgive, The Shepherd, David Danced). L'Adagio per archi di Samuel Barber è una delle pagine più famose del Novecento americano. La sua prima esecuzione fu diretta da Arturo Toscanini - uno dei pochissimi casi in cui il direttore italiano affrontò composizioni di autori americani - nel 1938 a New York con la NBC Symphony Orchestra. Nello stesso periodo Barber compone il Concerto per violino eseguito per la prima volta il 7 febbraio 1941 all'Academy of Music di Philadelphia. Quanto a Leonard Bernstein, il suo nome è strettamente legato alla città, sua fondamentale fonte di ispirazione. On the Town nasce come rielaborazione in forma di musical del balletto di Jerome Robbins per la Metropolitan Opera House Fancy Free, per il quale Bernstein aveva composto le musiche nel 1944. La storia di On the Town è nota anche grazie al film omonimo del 1949 con Gene Kelly e Frank Sinatra. Dalla partitura del musical Bernstein trasse l'anno successivo i Three Dance Episodes, destinati al pubblico delle sale da concerto. West Side Story invece, rivisitazione della storia di Romeo e Giulietta ambientata nella New York degli anni Cinquanta, si sofferma sul lato oscuro di New York, quelli della rivalità tra gang. Duke Ellington, pur non essendo nato a New York, ha legato indissolubilmente il proprio nome di musicista e compositore a quello della grande città, dove si trasferì nel 1923 suonando nel leggendario Cotton Club dove sviluppò lo stile che gli diede la fama. Ellington è stato tra i primi musicisti jazz a essere riconosciuto come un grande compositore e a concentrare la propria attenzione sulla forma musicale e sulle tecniche compositive. I suoi tre Sacred Concerts, creati rispettivamente nel 1965, 1968 e 1973, hanno tutti ispirazione sacra. Dal Second Sacred Concert provengono Father Forgive e The Shepherd, mentre David Danced è tratto dal primo Sacred Concert. La peculiarità di questi brani è la presenza, accanto alle voci e agli strumenti, di una ballerina di tip tap.

Accade a Palermo
Dal Al
Cerca il tuo soggiorno
Tipo
Stelle
Mappa della città
itinerario
Itinerari Tematici
itinerari
Cerca il tuo soggiorno
Tipo
Stelle
Mappa del turismo accessibile
Mappa del turismo accessibile
Centro Informazione Turistica
Centro Informazione Turistica
Fotogallery
fotogallery
Mappa del turismo accessibile
Mappa del turismo accessibile
Webmaster Credits Privacy Accessibilità Note Legali