Gaetano Cipolla lo spettacolo delle forme

Immagine - Gaetano Cipolla lo spettacolo delle forme
dal 19 Novembre 2021 al 19 Dicembre 2021

Il 19 novembre 2021 al piano delle Capriate di Palazzo Sant'Elia, apre le porte l'antologica "Gaetano Cipolla lo spettacolo delle forme" a cura di Alba Romano Pace. Presentata dalla Fondazione Sant'Elia, dalla Fondazione Orestiadi e dal Comune di Palermo, in partenariato con il Teatro Biondo, l'Archivio Scaldati e l'Associazione Nuvole, l'esposizione è un'ampia retrospettiva che, attraverso le molteplici opere esposte, celebra la visione della forma tra i colori brillanti delle pitture, la linea rapida dei disegni e le opere teatrali create da Gaetano Cipolla quando da scenografo e costumista partecipa agli anni d'oro del teatro in Sicilia, lavorando con Raul Ruiz, Mario Martone, Franco Scaldati, Enzo Moscato. «La mostra è concepita come un diario ora intimo ora umoristico o nostalgico, alla scoperta delle opere di Gaetano Cipolla e della sua visione creativa che s'intreccia con la storia di una città sofferente, ma culturalmente viva, quale fu Palermo tra la fine degli anni '80 e i primi anni '90» dice la curatrice Alba Romano Pace.

Leoluca Orlando, Presidente Fondazione Sant’Elia, dichiara «nella mostra di Gaetano Cipolla si intrecciano i fili della storia di diversi luoghi della Sicilia con spiccata sensibilità artistica; le opere esprimono una molteplicità’ di sentimenti come in un diario personale di vita che Gaetano Cipolla dona alla “lettura” dei suoi estimatori».

Il Presidente della Fondazione Orestiadi Calogero Pumilia dichiara: «Nell'arco di pochi mesi la Fondazione torna a collaborare con Palazzo Sant'Elia, con una iniziativa che propone uno degli artisti che, con validità e scelte estetiche di grande effetto, ha collaborato al progetto di ricostruzione, attraverso il teatro, di Gibellina. In questo modo la Fondazione si allaccia ad un periodo molto importante della propria storia».

 Scenografie, bozzetti e costumi, foto di scena dialogano con le pitture ed i disegni partendo dai primi periodi di Gaetano Cipolla ispirati dalla frenesia creativa del dadaismo e la pop-art, le divertenti e sensuali forme dei corpi maschili e femminili, le visioni oniriche e reali delle strade di Palermo fino a giungere alla serie dedicata all'isola di Stromboli, per l'artista un'arcadia ritrovata, tanto presente quanto lontana. Un ultimo lavoro narra del recente periodo del lockdown e conclude una mostra che si presenta come una festa dello sguardo alla scoperta dell'immaginario di Gaetano Cipolla con il suo sorprendente spettacolo delle forme.

Inaugurazione: venerdì 19 novembre - ore 18.00     

Periodo: 19 novembre – 19 dicembre 2021    

Orari di apertura: martedì - domenica dalle ore 09:00 alle ore 20:00 (ultimo ingresso ore 19:00) - LUNEDI' chiusura

Ingresso: Ingresso e biglietteria - Biglietteria: 091 2712068 - € 5,00 intero - € 4,00 ridotto                                                  

 

                                                              

 

                                    

Potrebbe interessarti anche:

Waag We are all Greeks

Dall'8 ottobre all'8 dicembre, al Museo Riso avrà luogo la mostra "Waag We are all Greeks". Due

Senza titolo

Il 17 novembre alle 17:00, presso la Sala Kounellis di Palazzo Belmonte Riso, sede del Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea

Il Mediterraneo, un mare che ci unisce. Valencia-Palermo. Omaggio a Miquel A. Guillem

L'Istituto Cervantes di Palermo (via Argenteria Nuova, 33), diretto da Beatriz Hernanz Angulo presenta “Il

Data pubblicazione: 19/11/2021