Villa Igiea

 villaigiea

Costruita alla fine del XIX secolo come villa privata dall’ammiraglio inglese Cecil Domville in stile neogotico, fu poi acquistato della famiglia Florio ed Ignazio Florio gli diede il nome della figlia Igiea.

Con il declino dei Florio, in seguito venne utilizzato come sanatorio e poi finì acquisito dal Banco di Sicilia, tornando in tempi più recenti ad essere un albergo di lusso, in considerazione anche della sua posizione in vista del golfo di Palermo.

Il suo nucleo architettonico più importante è quello purtroppo assai manomesso, costruito da Ernesto Basile negli anni 1899-1900 e da lui stesso ampliato nel 1903. Suo è il disegno di una vasta sala al primo piano con fluide boiseries, invece gli ornamenti pittorici floreali, ispirati al tema tipicamente Art Nouveau della primavera e della giovinezza femminile, sono di Ettore De Maria Bergler del 1900.

Il mobilio dell'edificio fu realizzato da Vittorio Ducrot nello stile floreale. Nel parco della villa è una falsa rovina di tempietto classico. 

Salita Belmonte, 43 90142 - Palermo (PA)

Visite guidate:

Il giardino è visitabile previo accordo con l'Hotel Villa Igiea.