logo

Turismo - Palermo Welcome

Palermo
+25°C
Mercati Storici
rss facebook twitter google+

Ballarò

Ballarò
Passeggiando lungo le strade di alcuni rioni di Palermo, si ha l’impressione di stare in uno dei suk di una qualsiasi città musulmana. Non per niente, alcuni mercati sono stati realizzati durante la dominazione araba, ed ancora oggi, si possono notare l’aspetto, le consuetudini del vendere e del comprare, i colori, gli odori, l’usanza di sommergere strade e piazze con banchi, cesti, tendoni variopinti, tipico, appunto, dei tradizionali mercati nordafricani. I mercati di Palermo rappresentano il luogo ideale per un autentico tuffo nel passato e nelle tradizioni più antiche del popolo palermitano. I mercati storici di Palermo sono dei veri e propri monumenti viventi! Non si può visitare questa splendida città senza ammirare questi spettacolari e pittoreschi mercati. Essi sono infatti quasi una sintesi dell’indole colorita ed allegra e della cultura poliedrica e cosmopolita del palermitano. Mentre ci si addentra nelle viscere di questi mercati si viene costantemente accompagnati dai richiami fatti ad alta voce, e spesso in modo piuttosto colorito, dai vari ambulanti per invitare a comprare la propria merce. Questo pittoresco invito viene chiamato “abbanniata” in dialetto palermitano. Ed in effetti parte dello spettacolo è anche quello di ascoltare questa “musica folkloristica” tipica dei mercati storici. In questi mercati storici si può acquistare di tutto un po’, ma soprattutto frutta, verdura, pesce e carne. Diciamo comunque che ogni palermitano che si rispetti, sa quale mercato scegliere in base a cosa deve comprare. I più importanti mercati storici di Palermo sono: Ballarò, la Vucciria, il Capo, il Borgo Vecchio.

• Ballarò rappresenta il mercato più antico e grande della città, infatti esso si estende da piazza Casa Professa ai bastioni di corso Tukory. Qualche tempo fa era più raccolto intorno a piazza Ballarò che, come dice Gaspare Palermo nella sua Guida del 1800, era “una piazza di grascia nel quartiere dell’Albergheria, di forma bislunga e non molto larga, il cui pavimento lastricato di larghe selci”. In queste poche righe si può forse concentrare tutto il mondo di Ballarò che ha vissuto per tanti secoli all’ombra della chiesa dei Padri Carmelitani. “Piazza di Grascia” ci indica la specializzazione dei vari bottegai, cioè vendita di alimentari (grascia). Questo mercato ancora quello che, nella accezione comune del palermitano, è destinato alla vendita delle primizie e di tutto quanto proviene dalle campagne limitrofe o, dai paesi extraeuropei. Esso risale all’epoca della dominazione araba. Ci sono diverse teorie sull’etimologia della parola Ballarò: una prima ipotesi è quella che derivi da Bahlara, il nome di un villaggio, vicino Monreale, da dove provenivano le merci da vendere, oppure da Ag-Vallaraja (titolo dei sovrani della regione indiana del Sind), poiché vi si vendevano le spezie provenienti dal Deccan, o ancora da Segeballarath, che significa “fiera – mercato”.
Ballarò
Piazza Ballarò - 90134 Palermo

Orari :

Dal lunedì al sabato dalle ore 07,30 alle ore 20,00. Domenica prevalentemente solo mattina

arance1 aglio fichipiatto sarde fichinteri frutta
fichi2 zibibbo capperi pesce
Accade a Palermo
Dal Al
Cerca il tuo soggiorno
Tipo
Stelle
Mappa della città
itinerario
Accade a Palermo
Dal
Al
Cerca il tuo soggiorno
Tipo
Stelle
Mappa del turismo accessibile
Mappa del turismo accessibile
Centro Informazione Turistica
Centro Informazione Turistica
Fotogallery
fotogallery
Mappa del turismo accessibile
Mappa del turismo accessibile
Webmaster Credits Privacy Accessibilità Note Legali