Cosa Vedere - Zone Archeologiche

lista mappa
Castello a Mare

Castello a Mare

Si trovava sul lembo di terra a nord dell’imboccatura del porto della cala ed era costituito da una vera e propria cittadella militare. Edificato a partire dal X secolo, durante la dominazione araba, aveva al centro il mastio turriforme. Una vasta spianata lo separava dalla città. Potenziato in epoca normanna, il castello fu fortificato nel 1496, durante il regno di Ferdinando il Cattolico.

Catacombe Paleocristiane di Porta d'Ossuna

Catacombe Paleocristiane di Porta d'Ossuna

Databili tra il IV ed V secolo d.C., furono scoperte nel 1739 durante i lavori di costruzione del Convento delle Cappuccinelle; nel 1785 fu sistemato l’ingresso. Poste a poca distanza dal limite urbano, sono formate da corridoi, gallerie e loculi che si estendono per alcune centinaia di metri verso occidente.

Grotta dei Beati Paoli

Grotta dei Beati Paoli

"I Beati Paoli" ebbero la sede principale sulla via ora intestata ad essi dietro la chiesuola di Santa Maria di Gesù ove s’apriva una grotta ora murata e interrata. Per sotto il vicolo degli Orfani s’incalanavano per lunghi condotti alti 2 metri e larghi 1,50 metri che si aprivano con pozzi sotto le scuole dei Calasanzio (sede del Liceo Scientifico Statale Cannizzaro sino al 1955) sotto l’attuale Istituto Tecnico per Geometri Parlatore, sotto palazzo Geraci, sotto la chiesa di San Matteo ed il Monastero delle Vergini.

Necropoli Punica

Necropoli Punica

Del primo emporio punico, fondato probabilmente nel corso del VII secolo a.C., sono testimonianza concreta e significativa le numerose tombe comprese nella vasta necropoli che occupava l'area immediatamente ad ovest della città, compresa tra Piazza Indipendenza, Corso Calatafimi, Corso Pisani, Via Cuba, Via Cappuccini e Via Pindemonte.

Qanat Gesuitico Alto

Qanat Gesuitico Alto

Il Qanat o Kariz è un sistema di trasporto idrico usato per fornire una fonte affidabile d'approvvigionamento d'acqua per insediamenti umani e per l'irrigazione in ambienti caldi e aridi. Il Qanat Gesuitico Alto si sviluppa nel sottosuolo del quartiere di Altarello e, in particolare, al di sotto di casa Micciulla, nella via nave e nei territori agricoli circostanti.

Resti di case romane Area Archeologica Villa Bonanno

Resti di case romane Area Archeologica Villa Bonanno

Il complesso delle case romane che occupano una porzione della Villa Bonanno all’interno di Piazza della Vittoria fu casualmente scoperto nel dicembre del 1868 dal Direttore delle Antichità di Sicilia Francesco Saverio Cavallari e comprendono i resti di due sontuose dimore, ovvero, “un palagio contenente una sala basilicale” ascrivibili alla metà del IV secolo a.C.